POMPE DI CALORE

Caldo e freddo senza consumare gas.

Le pompe di calore sono tra le soluzioni meno diffuse, ma negli ultimi anni sono aumentate le installazioni di impianti di riscaldamento che utilizzano la medesima soluzione. Per il loro principio di funzionamento con le pompe di calore aria acqua vi è la possibilità di risparmiare in modo tangibile fino al 60% rispetto ai vecchi sistemi installati e in confronto ad altre tecnologie più moderne i vantaggi possono essere  importanti e determinare un risparmio anche del 30-40%.

Come Funziona la Pompa di Calore?

Le pompe di calore sono macchinari in grado di trasferire energia termica, ossia calore, da un ambiente più freddo ad uno più caldo. Ad esempio, per il riscaldamento invernale di un edificio, una pompa di calore opera sottraendo calore all’ambiente esterno, per fornirlo agli spazi interni, mantenendoli al caldo. Questo è il processo inverso a quello spontaneo che succede solitamente, cioè lo spostamento di calore da un corpo caldo ad uno più freddo. Per fare ciò le pompe di calore consumano una certa quantità di energia che può essere fornita, a seconda della tecnologia impiegata, sotto forma di energia elettrica oppure di gas metano.

Come funziona quindi la pompa di calore? Una pompa di calore, infatti, estrae il calore da una fonte naturale (aria, acqua o terra) e lo trasporta dentro l’edificio alla temperatura idonea, in funzione del tipo di impianto di riscaldamento. Alcuni di questi apparecchi sono reversibili e permettono sia di riscaldare gli ambienti che di raffreddarli, quindi possono essere utilizzati durante tutto l’anno. Facendo uso di sistemi particolarmente efficienti l’energia consumata è però inferiore a quella impiegata da sistemi di riscaldamento tradizionali. Secondo la normativa europea in tema di energia, se il calore (energia termica) catturato da una pompa di calore eccede in maniera significativa la quantità di energia necessaria al suo funzionamento, esso è considerato rinnovabile.

Più valore agli immobili
Le soluzioni ibride o in sola pompa di calore sono decisive per sfruttare i Bonus e Superbonus e migliorare la classe energetica del sistema edificio/impianto. In questo modo si aumenta il valore al m² dell’abitazione e l’investimento rende immediatamente.

 

Visita il nostro brand dedicato ai SISTEMI IBRIDI  e scopri tutte le soluzioni evolute per riscaldare, raffrescare e produrre acqua calda sanitaria anche con fonti di energia rinnovabili.                                                   SCOPRI DI PIU’

Quanto si Risparmia con le Pompe di Calore?

Le pompe di calore comportano numerosi vantaggi a coloro che decidono di installare questo tipo di apparecchiatura. Prima di tutto, i clienti che richiedono le pompe di calore hanno diritto ad incentivi statali. L’efficienza energetica di questi dispositivi permette un risparmio notevole per il cliente: il coefficiente di prestazione di una pompa di calore riesce a raggiungere un valore fino a 5, cioè riesce a produrre 5 kWh di energia termica, partendo da un solo kWh di energia elettrica. Economicamente parlando, questo comporta un risparmio in bolletta dal 40% al 70%

Tipologie di Pompe di Calore elettrica

Esistono diversi tipi di pompe di calore sul mercato, a seconda che prelevino calore dall’aria, dall’acqua o dal terreno: aria- aria, aria- acqua, acqua- acqua. Un’altra distinzione è in base all’alimentazione: pompe di calore elettriche o a gas, anche se la maggior parte di questi apparecchi funzionano con l’energia elettrica. Ma qual è la differenza tra le varie tipologie?

Scopri tutte le nostre Offerte Dedicate Alle POMPE DI CALORE

Pompe di Calore Aria Aria e Aria Acqua

Quelle ad aria-aria e aria-acqua sono le tipologie più semplici da installare, però non sono le più efficienti perché dipendono dalla temperatura dell’aria esterna: infatti, se la temperatura scende sotto i 5-7 °C, le prestazioni dell’impianto calano notevolmente e i consumi sono molto maggiori. Un esempio di pompa di calore aria-aria è un classico condizionatore che consente anche di riscaldare l’aria e quindi l’ambiente. Le pompe di calore aria/acqua invece, a differenza delle altre, scaldano l’acqua da utilizzare per il riscaldamento o per usi sanitari. Il grande vantaggio di questa tipologia di pompe di calore è che l’aria è una sorgente disponibile ovunque e l’installazione di questi impianti è molto semplice e non richiede particolari modifiche alle strutture. La nota negativa, come già detto precedentemente, sono le variazioni repentine di temperatura, che rendono queste due tipologie inadatte per le regioni fredde.

Pompe di Calore Acqua Acqua

Gli impianti acqua-acqua sfruttano l’acqua di falda e hanno prestazioni migliori, perché prelevano calore da una sorgente a temperatura stabile. Sono molto efficienti ma il costo per la loro installazione è molto alto: costano circa il 15-30% delle pompe ad aria, poiché per questo tipo di impianti è prevista la costruzione di un pozzo con un sistema di aspirazione. Questi tipi di pompe prelevano il calore dalle falde acquifere, che si mantengono a temperatura costante per tutto l’anno: questo permette quindi di avere un sistema molto efficiente.

Pompe di Calore Geotermiche

Le pompe geotermiche sfruttano il calore sempre presente nel terreno. Ad una profondità di oltre 10 metri la temperatura è relativamente elevata e costante durante tutto l’anno, anche in inverno. Per catturare il calore nel terreno si installa una sonda geotermica verticale, e man mano che si scende più in profondità, aumenta la temperatura disponibile. Questa tecnologia è particolarmente conveniente quando è abbinata a sistemi di riscaldamento a bassa temperatura, come pannelli radianti o a pavimento. Il costo di un impianto geotermico è superiore ad uno tradizionale e dipende dalla natura del terreno.

    X

    Compila il modulo per richiedere un preventivo gratuito!


    Le Domande più frequenti su: POMPA DI CALORE BOLOGNA

    Qual è la differenza tra pompa di calore e caldaia a condensazione?

    La differenza fra una caldaia a condensazione e una pompa di calore risiede nella modalità della produzione del calore stesso: la caldaia, al massimo, può fornire il calore che la quantità e il potere calorifico del combustibile consentono. La pompa di calore, invece, non ha limiti di questa natura rispetto all’energia immessa. Se si trovano temperature di funzionamento e fluidi adatti, la pompa può trasportare quantità di calore indefinitamente grandi a parità di energia elettrica utilizzata. Una buona pompa di calore consente di ottenere molto calore ambiente con poca energia motrice (elettricità): da 1 kWh di energia elettrica si producono fino a 5 kWh di energia termica. La pompa di calore inoltre non usa combustibili fossili e non emette gas da combustione in ambiente. Oltre che per riscaldare quando è freddo, la pompa di calore può essere usata per raffrescare gli ambienti quando è caldo.

    Dove installare una pompa di calore?

    A seconda del tipo, la pompa di calore può essere installata in vano tecnico all’interno dell’abitazione, nel sottoscala, sul pianerottolo, all’esterno dell’abitazione, sul balcone… Le pompe di calore permettono di accedere a detrazioni fiscali del 50% per ristrutturazione, detrazioni fiscali del 65% per l’efficienza energetica, conto Termico e 110%

    Quali requisiti occorrono per installare una pompa di calore?

    Non esistono requisiti particolari per l’installazione di una pompa di calore in quanto esiste una vastissima gamma di sistemi in pompa di calore in modo da poter soddisfare le esigenze dei diversi tipi di abitazioni: dalle case nuove a consumo di energia quasi zero fino ai condomini e alle abitazioni in cui non si sono potuti fare interventi sull’involucro edilizio o dotate di radiatori.

    Conviene installare una pompa di calore? Perché?

    Installare una pompa di calore conviene perché:

    • Permette di dimezzare la bolletta per il riscaldamento rispetto ad una caldaia a condensazione
    • Permette di fornire con una sola unità sia calore per il riscaldamento che il raffrescamento
    • Gode di tre incentivi alternativi: le detrazioni fiscali del 50% per ristrutturazione, le detrazioni fiscali del 65% per l’efficienza energetica, il conto termico.
    • RIENTRA NELLE APPARECCHIATURE FINANZIABILI CON L’ECOBONUS del 110%
    • Utilizza energia rinnovabile

    Le pompe di calore servono solo per riscaldare o anche per raffreddare?

    Le pompe di calore reversibili non servono solo per il riscaldamento in inverno, ma anche per il raffrescamento in estate, garantendo comfort tutto l’anno. E’ sufficiente invertire il ciclo di funzionamento della macchina. Questo permette di avere anche un risparmio anche nella realizzazione dell’impianto in quanto non serve più il condizionatore.